contrade Archive

0

Decimo Culturativo

Ad un mese di distanza dall’uscita del suo nuovo romanzo, I Culturativi avranno il piacere di incontrare Simona Sparaco. L’appuntamento con la scrittrice è fissato per sabato 29 novembre, ore 18.30 a Torrita di Siena presso il Teatro comunale degli Oscuri.

Il nuovo libro, “Se chiudo gli occhi”, uscito il 29 ottobre, racconta la storia di Viola, una donna che nella vita ha imparato molto bene una cosa: a nascondersi. Abiti di una taglia sempre troppo grande, un lavoro che non le dà alcuna soddisfazione e ben lontano dalle sue passioni di bambina, un bravo ragazzo come marito, con cui però, forse, l’amore non c’è mai stato. Poi un giorno, mentre sta sviluppando rullini di gente infelice al centro commerciale, si fa largo tra la folla un uomo alto e dinoccolato, ancora bello nonostante l’età: è suo padre, l’artista famoso, l’irregolare, l’eterno bambino. È tornato, è venuto a cercarla per proporle un viaggio nelle Marche, la loro terra d’origine, e per dirle una cosa molto importante. Ma come fidarsi un’altra volta dell’uomo che l’ha abbandonata? Come credere di nuovo a una delle sue funamboliche storie? La tentazione è troppo forte e Viola accetta. Un segreto custodito per anni condurrà padre e figlia alle pendici dei Sibillini dove Viola sarà travolta da una nuova forza e una nuova luce, proprio come il cielo di quei posti. È un viaggio magico se il prezzo della felicità è abbandonarsi con gli occhi chiusi al potere della vita e all’amore che è pronto ad accoglierci.

L’incontro, nel quale conosceremo meglio la scrittrice e le sue pubblicazioni, è aperto a tutti e, a seguire, al termine della serata, la Contrada di Porta a Sole offrirà ai partecipanti un’aperi-cena nei locali della biblioteca comunale.

Simona Sparaco

Scrittrice e sceneggiatrice, è nata a Roma. Eredita dai genitori la passione per i viaggi, e dopo aver frequentato il liceo classico nella sua città, sente subito il desiderio di uscire dalla dimensione formativa italiana e di esplorare l’Europa. Si laurea quindi in Communication and Media Studies e ha la possibilità di conoscere meglio città come Londra e Parigi.

La passione per la scrittura resta una costante nella sua vita e, tornata in Italia, si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma. In questi anni ha modo di conoscere meglio anche la letteratura italiana contemporanea e di leggere Alessandro Baricco. Nel 2004 si trasferisce a Torino per frequentare il master in tecniche della narrazione nella Scuola Holden da lui stesso fondata. In questo periodo esce “Anime di Carta”, romanzo di formazione, pubblicato dalla casa editrice Viviani.

Tornata a Roma,  frequenta in Rai il corso di formazione per sceneggiatori di Dino Audino, facendosi notare con un progetto televisivo di una fiction sulle prime donne soldato in Italia. Terminato il corso, partecipa ad un laboratorio creativo organizzato da Mediaset, volto alla realizzazione di idee nell’ambito della struttura della sit-com. Riesce così a collaborare per serie televisive quali “Love Bugs” e “Don Luca c’è”, e a ideare e progettare serie televisive come libera professionista.

Nel 2008 partecipa al reality di Italia Uno “La Talpa”, ambientato in Sudafrica, durante il quale Simona scrive “Lovebook”, un romanzo sull’amore ai tempi di Facebook, edito da Newton Compton, che uscirà nel 2011 e in meno di un anno arriverà alla nona edizione. Nel 2010 esce invece “Bastardi senza amore”, sempre per Newton Compton, che viene tradotto anche in lingua inglese.

Nel gennaio 2013, dopo essersi dedicata esclusivamente alla scrittura e alla ricerca interiore, Simona raggiunge una maturità stilistica che le impone un cambiamento di rotta. Dopo aver faticato a trovare un editore disposto ad affrontare insieme a lei il delicato tema dell’aborto terapeutico, esce, questa volta per la casa editrice Giunti, il discusso romanzo “Nessuno sa di noi”, che in breve tempo scala le classifiche e s’impone all’attenzione della critica e del pubblico, rivelandosi il caso editoriale dell’anno. “Nessuno sa di noi” entra nella cinquina del Premio Strega 2013 e si aggiudica il Premio Roma sempre nello stesso anno.

Il 29 ottobre 2014 è uscito il suo nuovo libro “Se chiudo gli occhi”.

Simona è sposata, madre di Diego, e vive tra Roma e Singapore, città dove lavora il marito.

Per informazioni e prenotazioni: iculturativi@gmail.com;

Contatto FB: I Culturativi

Contatto FB: contrada porta a sole

Lucia – 347 1479201

Alfredo – 347 6933582

 

0

TORNANI NUOVO PRESIDENTE DELLA SAGRA SAN GIUSEPPE

 

ELETTO IL PRESIDENTE FOSCO TORNANI: UN GRADITO RITORNO

Nella seduta del 6 ottobre 2014 è stato nominato dal Comitato Associazione Sagra San
Giuseppe di Torrita di Siena a ricoprire la carica di presidente il Sig.Fosco Tornani.

Un gradito ritorno negli scranni dell’Associazione che organizza il Palio dei Somari;
Tornani di fatto ha già ricoperto la carica nel periodo novembre 2006-giugno 2009.

Il Presidente Tornani accettando la carica ha ringraziato tutti i membri del Comitato,
augurando un proficuo lavoro organizzativo già in vista del Palio di marzo 2015, 58°edizione.

 

0

Ottavo appuntamento con i “CULTURATIVI”

Dopo le vacanze estive, riprende il via l’iniziativa culturale ideata ed organizzata dalla Contrada Porta a Sole, una delle otto che compongono l’Associazione Sagra San Giuseppe di Torrita di Siena. Ripartirà infatti con il mese di settembre la seconda stagione de “I Culturativi – gli aperitivi di contrada dedicati alla cultura”, iniziativa che ha raccolto nella scorsa edizione la favorevole accoglienza di un vasto pubblico.

Il primo appuntamento, fissato per sabato 27 settembre 2014, alle ore 18,30, presso il Teatro Comunale degli Oscuri di Torrita di Siena in piazza Matteotti, nel centro storico del paese, vedrà come protagonisti Riccardo Lorenzetti e Tommaso Mattei.

Il primo, vecchia conoscenza de “I Culturativi”, toscano di Petroio (in provincia di Siena),  ha una ventennale esperienza tra radio, carta stampata e televisione, dove ha lavorato come autore occupandosi soprattutto di calcio e sport in generale, ma anche spettacolo e cultura, cronaca nera e rosa, politica. Dopo il suo libro d’esordio, “L’anno che si vide il Mondiale al maxischermo” (2013), presenterà all’interno dell’incontro la sua nuova opera, “La libertà è un colpo di tacco” (2014) edito da “Curcio Editore”.

Ambientato nel Brasile del 1982, il libro si sviluppa sullo sfondo del trionfo del Corinthians di San Paolo, la squadra di futebol con cui Socrates in quell’anno vinse il campionato paulista, dando una spallata al regime militare al seguito della sua bizzarra “Democracia Corinthiana”. Raccontata con gli occhi di un ragazzo innamorato del calcio e del giornalismo, la storia dei personaggi ci aiuta a conoscere un pezzo di storia recente del Brasile: un papà che sparisce misteriosamente la notte del millesimo gol di Pelè, un vecchio saggio che si lascia andare alla sua saudade per i tanti campioni del glorioso passato verdeoro. Poi, un ragazzo che si guadagna da vivere facendo il gigolò nella San Paolo bene. Ognuno di loro porterà più o meno consapevolmente il suo contributo alla libertà, che arriva leggera ed elegante, come una canzone di Vinicius de Moraes o una ballata di Caetano Veloso.

Anche Tommaso Mattei, come Riccardo, è toscano di Firenze e giornalista. La sua professione la deve alla mamma, che a sua insaputa lo iscrive ad un master in giornalismo a Milano. Nel 2005 inizia una collaborazione con Calciopiù, storica testata Toscana di calcio dilettantistico e giovanile, e allo stesso tempo è corrispondente della Toscana per Radio Modena ed altri giornali.

Nel 2006 la grande occasione: uno stage a Italia 7. Dalla cronaca alla politica passando per la cultura e il costume, la formazione è totale. I primi articoli in onda, la prima diretta, le prime responsabilità. Nel 2008 viene inserito nella squadra di Platinum Calcio, conduce le trasmissioni, viaggia per l’Italia e per l’Europa, effettua le prime grandi interviste nel mondo del pallone. Sempre nel 2008, inizia a condurre le prime trasmissioni radiofoniche, in primis su Lady Radio che decide di scommettere su di lui.

Nel 2010 arrivano il mondo del web (Mattei diventa vicedirettore di firenzeviola.it e poi fiorentina.it.) e le prime corrispondenze nazionali, prima con Dahlia tv poi con Sportitalia. A Dicembre dello stesso anno inizia la sua avventura con l’emittente radiofonica nazionale Radio Sportiva e dopo qualche mese anche con la mitica Radio Blu, oltre alle sue pubblicazioni sulla carta stampata del Brivido Sportivo.

In mezzo a tutto ciò tante serate come presentatore culminate con la consegna del fiorino d’oro a Borgonovo davanti a 40.000 persone. Oggi Tommaso Mattei ha anche un proprio blog.

Gli incontri, nei quali conosceremo meglio gli autori e le loro pubblicazioni, sono aperti a tutti e, a seguire, al termine della serata, la Contrada di Porta a Sole offrirà ai partecipanti un’aperi-cena nei locali della biblioteca comunale.

Per informazioni e prenotazioni: iculturativi@gmail.com;

: I Culturativi

: contrada porta a sole

Lucia – 347 1479201

Alfredo – 347 6933582

 

 

0

BAMBINI AI CAMPINI

 

0

Contrada Le Fonti 21 Giugno 2014

 

0

3° Memorial Marcello Canapini

 

 

 

0

CENA DELLA VITTORIA 14 GIUGNO 2014

SABATO 14 GIUGNO 2014 PRESSO

PIAZZA DELLA LIBERTA’ LA

CONTRADA STAZIONE

E’ LIETA DI INVITARE TUTTI

A PARTECIPARE ALLA CENA DELLA

VITTORIA DEL PALIO 2014

0

I CULTURATIVI

Sabato 10 Maggio, i Culturativi avranno come ospite Lucia Tremiti. Nata il 7 luglio 1969 a Montepulciano, dove risiede, Lucia è mamma di Francesco e moglie di Paolo. Laureata in Letteratura e Filosofia Magistero Teologico, lavora per il ministero della pubblica istruzione e si diletta per passione con le storie della Valdichiana. Collabora inoltre con Radio Incontri (Cortona) in una trasmissione di cultura locale.

L’incontro si svolgerà come di consueto presso il teatro degli oscuri di Torrita di Siena, con una novità rispetto alle precedenti iniziative, dato che l’orario di inizio è fissato alle ore 16.30. L’incontro sarà riservato a grandi e piccini, e tratteremo con Lucia le storie dei mostri della Valdichiana. Faremo un excursus sul Gatto Mammone, la Marroca, la Gatta Ignuda ed altri, passando per delle bellissime immagini da colorare e finendo con una fantastica merenda chianina.

I libri che presenteremo saranno due: il primo, “Il Gatto Mammone”, è una raccolta di dieci novelle della tradizione orale toscana. Dopo “Che vòi sapè’ te Pichirillino” e “Marcellino ‘un vòle il pane… vòle il vino” arriva in libreria questa terza raccolta di novelle: “Il Gatto Mammone”. La creatura rientra tra le molte dell’immaginario fantastico invocata per impaurire i bambini soprattutto se non mangiano la pappa alla stregua del Bobo Nero, della Marroca e della Gatta Ignuda: “Gatto Mammone vien di notte ti riempie di calci e botte poi ti graffia sul pancino e ti divora l’intestino!”

Il secondo, “La Marroca & Co.”, é invece un bestiario fantastico adatto anche ai piccini dato che le immagini possono essere colorate. Il piccolo album raccoglie personaggi come la Marroca, il Badalischio, il Lupo, la Gatta Ignuda, il Bobo Nero, il Gatto Mammone, Verdone Mangiasassi, il Serpe Regolo, la Scabodda e il Drago. Animali fantastici creati dalla mente degli adulti per mettere in guardia i bambini dai vari pericoli in cui potevano imbattersi stando spesso da soli.

Si raccomanda ai più piccoli di portare il loro astuccio con cere e matite per colorare le bellissime immagini dei mostri chianini!!! Si ricorda che la merenda sarà servita dai contradaioli della contrada Porta a Sole nei locali della Biblioteca Comunale dopo l’incontro con la scrittrice.

 

Per info e dettagli http://www.luciatremiti.it/index.html

 

0

I CULTURATIVI

LA VARIANTE DEL POLLO (come fare bella figura senza aver mai letto un libro) e IL PIU’ GRANDE CALCIATORE DEL MONDO

Perché il pollo ha attraversato la strada?

Chissà quante volte ci siamo posti questa domanda senza mai trovare la risposta. Che adesso però esiste e ce la fornisce Renato De Rosa con il suo nuovo libro “La variante del pollo (come fare bella figura senza avere mai letto un libro)”, edito da Mursia.

Renato de Rosa sarà ospite del quinto appuntamento de “I Culturativi” a Torrita di Siena, fissato per sabato 12 aprile alle ore 18,30 presso il Teatro degli Oscuri, con due libri, entrambi ironici e divertenti.

Il primo, “La variante del pollo” appunto, è una raccolta umoristica di 32 racconti ispirati dalla medesima tematica: l’attraversamento della strada da parte del pollo, scritti dall’autore imitando lo stile dei maggiori scrittori italiani contemporanei, da Baricco a Camilleri, da Moccia a Volo.

Le parodie sono delle affettuose prese in giro, talmente raffinate che nessuno degli scrittori coinvolti potrà lamentarsene: gli unici a lagnarsi potrebbero essere gli esclusi dal gioco, forse.

Per ogni autore, De Rosa inizia con una sintesi critica di quattro righe, una caustica presentazione dell’autore parodiato, sul quale peraltro De Rosa non va giù tenero. Ad esempio: “Claudio Magris è considerato dai critici il più grande scrittore italiano contemporaneo. Si è parlato spesso di lui come candidato al Nobel. Di questo passo qualcuno leggerà i suoi libri”.

Oppure “Melissa Panarello, avendo pubblicato dei libri, può tecnicamente essere definita scrittrice. Ha descritto i turbamenti  erotici delle adolescenti, provocando in loro anche dei turbamenti linguistici”.

Ed ancora “Fabio Volo è scrittore, attore e conduttore radiotelevisivo. Nelle sue opere racconta storie di tutti i giorni, vivendole come le vivrebbero i suoi lettori, provando emozioni come le proverebbero i suoi lettori e scrivendole come le scriverebbero i suoi lettori, cioè male.”

All’introduzione segue il racconto, dove le atmosfere letterarie trasferite nella realtà dei pollai, tra improbabili capponi, saggi tacchini e svenevoli pollastre, assumono toni  grotteschi di un umorismo irresistibile, dalle profonde ovvietà di Alberoni: “Il pollo decide di attraversare quando qualcosa lo spinge a compiere quell’atto”, ai gialli di Faletti: “Il buio e il pollaio hanno lo stesso colore”, alle denunce sociali di Tabucchi: “Sostiene il pollo di avere preso la propria decisione in un giorno d’estate.”

Come spesso accade nell’umorismo, questo è un libro serissimo, una sottile metafora sul conformismo d’ogni colore, fede e ideologia, un invito al pensiero libero e creativo. Perché infine, come avverte De Rosa sulla sua ultima, fatal riga, «pollo è chi il pollo fa».

Si tratta quindi di un delizioso divertissement, di un piccolo libro di culto che non potrà mancare nella biblioteca di quanti amano la lettura.

In contemporanea l’autore presenterà anche l’altro suo libro “Il più grande calciatore del mondo”, un racconto che sembra parlare di calcio ma in realtà tratta molti temi quotidiani e problematiche attuali legate a questo sport.

Il modo in cui De Rosa presenta i libri è in sintonia con la sua opera: niente noiose dissertazioni socio-filosofiche bensì un tourbillon di sorprese, parodie, imitazioni, prese in giro, tutto giocato sul divertimento ed il coinvolgimento dell’uditorio, con la presenza maestosa del personaggio principale del primo libro trattato, sì, proprio lui, il pollo!

Un piccolo spettacolo dunque più che una presentazione, un evento originale e divertente che stuzzica la fantasia e stimola il sorriso intelligente.

Dopo l’incontro la Contrada di Porta a Sole offrirà ai partecipanti un aperitivo nei locali della biblioteca comunale.

————————————————————–

Renato De Rosa, matematico, autore di giochi ed esperto di politiche comunitarie, è nato il 1° maggio 1957 in una casa sulla via principale di Castellina in Chianti, mentre per strada suonava la banda. Vive e lavora a Carrara. Conosce i suoi polli e li studia da molti anni. Quando non è impegnato a osservare i polli, consiglia gli imprenditori, insegna creatività, gioca a bridge o ascolta le canzoni di Lucio Battisti. “Il più grande calciatore del mondo” (2006), ha conquistato il secondo premio al concorso nazionale CONI-USSI per il miglior romanzo sportivo, menzione speciale al premio Fair Play.

0

Banchetto Medievale della Primavera